L'ACQUEDOTTO MONUMENTALE DI COLOGNOLE

Esploriamo le colline livornesi nell’area della Valle dei Morra con un trekking tra boschi rigogliosi, torrenti e acque sorgive. Ammiriamo l’imponente acquedotto monumentale di Cologne, principale rifornimento idrico della città di Livorno fino ai primi del ‘900, un’opera talmente integrata nell’ambiente da rendere questo luogo fiabesco. Ci meravigliamo di fronte a porte, ponti, passaggi che emergono nel bosco con la stessa naturalezza degli alberi e ripercorreremo la storia affascinante di questa incredibile opera idrica.
LUNGHEZZA 8 KM
DISLIVELLO 350 m
RITROVO: BELPRATO ANVERSA DEGLI ABRUZZI
GUIDA: VANESSA PONZIANI

LUNGHEZZA: 10,5 km

DISLIVELLO: 400 m

RITROVO: Colognole (LI)

GUIDA: Camilla Caparrini

Il costo è di 5 euro per i soci Tra Terra e Cielo e 10 euro per chi non è socio. Se decidi di sottoscrivere l’iscrizione annuale a Tra Terra e Cielo (26 euro), valida per tutti i viaggi, le vacanze mare e le attività dell’associazione, l’escursione è gratuita! La prenotazione è obbligatoria (info@viedeicanti.it – 379-1227725 – 331-9165832) L’escursione prevede orario di incontro a partire dalle ore 9.00 circa e orario di fine escursione alle ore 16.30 circa. I partecipanti riceveranno entro mercoledì 15 marzo una comunicazione con tutti i dettagli: luogo, orario di incontro e termine della giornata, pranzo e dotazioni di abbigliamento. Nonché i contatti della guida. Le escursioni si svolgono anche in caso di pioggia.

LA GUIDA | CAMILLA CAPARRINI

camilla foto
Guida canterina, innamorata del Bello, rassegnata al naif. La mia storia da GAE ha inizio qualche primavera fa, quando, comodamente seduta alla scrivania del mio bell’ufficio milanese ho sentito la necessità di tornare a casa, in Toscana, per le ferie estive… a piedi. Da quel pazzo agosto 2016, mettendo un piede davanti all’altro, ho iniziato a camminare fuori dagli uffici e dentro l’aria aperta, portando nello zaino le cose a cui sono più affezionata e che ho voglia di condividere: il canto della tradizione orale, i racconti della terra su cui cammino, la poesia del respiro cadenzato ai passi, la conquista della leggerezza.